Archivo categoría General

Conclusioni
Similmente, durante il periodo di investimento le società finanziate da operatori di private equity hanno incrementato il Margine Operativo Lordo di una media annua del 9,8% (ossia da 1,1 miliardi di Euro nel primo anno di investimento a 1,2 miliardi di Euro nell’anno del disinvestimento). In conclusione, le aziende partecipate da investitori istituzionali sono cresciute con una velocità maggiore delle altre aziende, evidenziando performance dei principali indicatori aziendali di molto superiori a quelle del mercato.

La crescita è coerente anche nella generazione dei ricavi e del Margine Operativo Lordo. Le società incluse nel campione hanno incrementato i ricavi, nel periodo analizzato, in media del 17,7% (da 8,1 miliardi di Euro nel primo anno di investimento a 10,2 miliardi di Euro nell’anno di uscita).
Un confronto tra il Prodotto Interno Lordo italiano ed il CAGR dei ricavi nelle operazioni di private equity e venture capital, analizzate dalla ricerca in oggetto, è fornita nel grafico sottostante (si noti che il CAGR non prende in considerazione le fluttuazioni tra un anno e l’altro).

No hay Comentarios

La profittabilità delle aziende finanziate da venture capital misurata in termini di Margine Operativo Lordo si contraddistingue per un tasso di crescita positivo rispetto alla performance negativa fatta rilevare dal campione costituito dalle medie imprese.
Il tasso di crescita rilevato è stato, infatti, del 6,0%, contro un tasso negativo di circa il 4,1% del campione rappresentato dalle medie imprese. Anche il CAGR ponderato dell’EBITDA mostra un andamento positivo (1,7%).

Nel contesto attuale, il contributo all’occupazione ed alla crescita economica derivante da operazioni di buy out effettuate da operatori di private equity e società finanziate da venture capital è superiore a quello offerto mediamente dalle imprese italiane industriali di media dimensione.
In generale, le aziende oggetto di investimenti nel capitale di rischio incluse nel campione considerato hanno incrementato il numero di dipendenti con una velocità maggiore di altre aziende italiane di dimensioni similari.
Nel periodo considerato, il numero delle persone impiegate in Italia da aziende finanziate da prívate equity è cresciuto, in media, dell’8,4% all’anno, contro una media nazionale di crescita dell’occupazione dell’1,1%.
Un’analisi comparativa tra l’andamento dell’occupazione nazionale ed il CAGR riferito al numero dei dipendenti nelle operazioni di buy out e di venture capital è riportata nel grafico sottostante (si noti che il CAGR non tiene conto delle fluttuazioni tra un anno e l’altro).

No hay Comentarios

Un impatto economico simile a quello riconducibile alle operazioni di buy out è stato riscontrato anche negli investimenti di venture capital, a dimostrazione degli effetti positivi associabili all’attività di investimento in capitale di rischio, nel suo complesso, nonostante la congiuntura poco positiva che ha caratterizzato l’intero periodo di riferimento dell’analisi.
Crescita dell’occupazione
Le aziende finanziate con venture capital si sono caratterizzate per una maggiore crescita dei livelli occupazionali rispetto alle aziende incluse nel campione di confronto costituito dalle medie imprese industriali. Più nel dettaglio, nel periodo in esame, le prime hanno registrato un aumento annuo del numero di occupati in media del 6,5%, rispetto ad una crescita media di occupazione a livello nazionale dell’1,1% e dello 0,1%,con riferimento al campione costituito dalle medie imprese.
Crescita dei ricavi
Complessivamente, le aziende oggetto di investimenti di venture capital, hanno incrementato I propri ricavi del 24,3%, percentuale di quasi 8 volte superiore a quella fatta registrare dalle imprese del campione oggetto di confronto (3,3%). Il CAGR ponderato, per i ricavi, ammonta all’11,0%. Se si confrontano tali risultati con la crescita dei ricavi registrata dalle operazioni di buy out, si nota come le società oggetto di operazioni di venture capital siano state contraddistinte da un incremento ben più rilevante. Tale evidenza può essere riconducibile, sia alla dimensione media pre-investimento inferiore, che tipicamente caratterizza aziende neo-costituite, sia alla maggiore possibilità, per un operatore di private equity, di incidere sull’incremento delle quote di mercato, nel caso di aziende con pochi anni di vita, rispetto a società già consolidate all’interno del sistema economico e con prospettive potenziali di crescita meno consistenti.

No hay Comentarios

Hands on (approccio)
Approccio dell’investitore nella gestione della partecipazione, caratterizzato da un attivo coinvolgimento alla gestione d’impresa.
IRR (Internal Rate of Return)
Tasso interno di rendimento, indica il rendimento annuo composto di un’attività di investimento ed è calcolato mediante il confronto tra le uscite relative all’investimento e le entrate da questo derivanti. Rappresenta il metodo di valutazione delle performance utilizzato nel settore degli investimenti in capitale di rischio ed è calcolabile sia con riferimento ad un singolo investimento, sia rispetto all’intero portafoglio dell’investitore.
Lead Investor
Investitore istituzionale che assume il ruolo di leadership in operazioni di investimento in sindacato con altri investitori che seguono a ruota, detti followers.
Management Buy In (MBI)
Operazioni di acquisizione di un’impresa al termine della quale nella proprietà risulta coinvolto un gruppo di manager precedentemente esterni alla stessa. Nel caso in cui l’operazione avvenga con l’utilizzo prevalente di capitale di debito, si definisce Management Leveraged

No hay Comentarios

Buy-In (MLBI).
Management Buy Out (MBO)
Operazioni di acquisizione di un’impresa al termine della quale nella proprietà risulta coinvolto un gruppo di manager interni alla stessa. Nel caso in cui l’operazione avvenga con l’utilizzo prevalente di capitale di debito, si definisce Management Leveraged Buy Out (MLBO).
Portfolio company
Impresa presente nel portafoglio di un investitore nel capitale di rischio.
Private Equity
Termine utilizzato più frequentemente per indicare, in modo generale, “il mestiere” dell’investitore nel capitale di rischio, facendo specifico riferimento alle operazioni di investimento realizzate in fasi del ciclo di vita delle aziende successive a quella iniziale.
Reporting
Insieme delle informazioni periodiche richieste dall’investitore nel capitale di rischio e prodotte dalla società partecipata, per permettere un monitoraggio continuo dell’investimento in quell’impresa.
Seed financing
Investimento nella primissima fase di sperimentazione dell’idea di impresa, quando è ancora da dimostrare la validità tecnica del prodotto/servizio.
Start up financing
Investimento finalizzato all’avvio di un’attività imprenditoriale, quando non si conosce ancora la validità commerciale del prodotto/servizio, ma esiste già almeno un prototipo.
Target company
Impresa oggetto di investimento da parte di un investitore nel capitale di rischio.
Track record
Risultati professionali ottenuti in precedenza da un investitore nel capitale di rischio, utilizzati per valutarne la professionalità e lo standing.
Turnaround financing
Operazione con la quale un investitore nel capitale di rischio acquisisce un’impresa in dissesto finanziario, al fine di ristrutturarla e renderla nuovamente profittevole.
Venture backed company
Impresa che è stata oggetto di investimento da parte di un Venture Capitalist.
Venture Capital
Attività di investimento in capitale di rischio realizzata da operatori professionali e finalizzata ad operazione c.d. di Early stage (seed financing o start up financing).

No hay Comentarios